sabato 22 agosto 2009

DEDICATO A TUTTI QUELLI DELLA MIA ETA'



Ormai alla mia età, cominciano i ricordi. Che sono anche molto birichini, perchè saltano fuori quando meno te lo aspetti. E allora cercando su internet un'informazione per una turista, ho trovato un articolo da "Il Resto del Carlino" . L'ho letto e riletto. Questa è storia, e io c'ero...conoscevo perfettamente tutti quelli citati nell'articolo, ho le foto con Tom e Bob...ED ERO GIA' QUI IN QUEST'UFFICIO ..Copio e incollo integralmente l'articolo:
Così la Baia degli Angeli cambiò la notte in Riviera
Giancarlo Tirotti non si limitò a gestire un locale: creò l’archetipo della discoteca aperta fino alle 6 e fece arrivare da New York i primi dj che 'mixavano' i dischi più in voga. Viaggio nei mitici anni sessanta e settanta
- La Baia degli angeli aprì la sua immacolata scalinata la sera del 29 giugno 1975 e la notte non fu più la stessa. Forse neanche Giancarlo Tirotti (oggi 61 anni), a cui venne questa travolgente idea, ebbe la piena consapevolezza che quell’estate ormai lontana avrebbe cambiato per sempre il divertimento della Riviera e del resto del Paese.

Dalla collina di Gabicce partì una rivoluzione nel costume degli italiani che ha forgiato l’attuale modello del tempo libero. Nei locali, e non erano pochi, che puntellavano la costa: dall’Eden Rock al Vallechiara, dal Paradiso alla Stalla, dall’Altro Mondo al Florida, si esibiva quel che restava degli anni Sessanta (non ancora rianimati e canonizzati da Minà e Fazio).

C’erano ancora i Giganti, Fred Bongusto, Gino Paoli, Engel Gualdi e tante orchestrine che proponevano cover in un inglese improbabile fino a mezzanotte. La figura del disk-jockey era ancora molto approssimativa: metteva il vinile sul piatto, aspettava che il brano sfumasse e annunciava al microfono il pezzo successivo.

Potete immaginare cosa accadde quando alla ‘Baia’ arrivarono Tom Sison e Bob Day. Tirotti conobbe Tom a New York e gli spiegò che aveva in mente di aprire un locale. Quando gli chiese di varcare l’Oceano in cambio di ospitalità, e qualche viaggio pagato con l’America, a Sison non sembrò vero.

Tom, a cui si aggiunse Bob, non solo arrivò con un bagaglio enorme di musica pressochè sconosciuta (O’Jays, Harold Melvin e tutto il philly sound) ma insieme insegnarono a tutti la tecnica del mixaggio ora così familiare. Altra rivoluzione l’abolizione dei ‘lenti’, addio quindi al ballo della mattonella che offrì la migliore occasione di socializzazione a una generazione che aveva voglia di uscire dal provincialismo in cui era cresciuta.

Tirotti non aprì semplicemente un nuovo locale, creò l’archetipo della discoteca relegando dancing e night nell’archeologia del divertimento. Orari dilatati: il locale chiudeva alle 6. Spazi enormi, la Baia aveva tre piste, due piscine e un ristorante; ambienti inediti: terrazze panoramiche, pareti bianche, la consolle dei dj sistemata su un ascensore e luci puntentissime. Dal San Bartolo si levarono verso il cielo i primi laser. A Gabicce arrivava gente da tutta Italia, perfino con i pullman. Nel locale si poteva incontrare una giovanissima Eva Robbins, Sterling Saint Jaques che faceva l’animatore, qualche attrice e una marea di persone che dire stravagante è poco. La Baia divenne anche fashion e mise in commercio quei pantaloni larghi con i tasconi laterali allora introvabili.

La stagione di Tom, Bob e Giancarlo durò poco tempo: nel 1977 i due dj tornarono in America. Di Tom si seppe che morì nel 1980, Bob tornò in Italia ma per pochissimo tempo e di lui non si sa più niente. Tirotti da parte sua è stato tra i fondatori del Riviera Golf Club di San Giovanni e ora gestisce il Riviera Mare, un ristorante sulla spiaggia di Misano che evoca i bianchi e raffinati spazi della Baia. Dopo Bob e Tom vennero tre dj italiani: Mozart, Rubens e Baldelli, forse i primi a trasformare la loro attività in una vera e propria professione. La ‘Baia’ chiuse nel 1978 probabilmente vittima del nuovo mondo che aveva evocato. Quegli anni anni furono anche quelli che coincisero con la diffusione della droghe e degli eccessi. Ma di questa storia la Baia scrisse il capitolo più divertente.
Paolo Angeletti

Anniversario. Senza tanto sproloquiare

Ti amo. Cinque lettere che racchiudono 27 anni di vita matrimoniale senza contare gli anni di convivenza. Ti amo. Abbiamo pianto e riso, cr...